The St. Regis Roma

4.5 (449 recensioni)

Via Vittorio E. Orlando, 3, Roma, 00185, Italia   •  Meteo:    •   Ora locale:     •  Telefono: +39 06 47091  

4.5

La Sala Ritz

The Ritz Ballroom at The St. Regis Rome

The Ritz Ballroom at The St. Regis Rome

L’ampio salone per le feste è stato intitolato a César Ritz (Niederwald 1850-Küssnacht 1918), il famoso imprenditore svizzero conosciuto come “re degli albergatori e albergatore dei re”, il quale, partito come cameriere, era poi diventato proprietario o amministratore dei più famosi alberghi della sua epoca, tra cui questo hotel, progettato dall’architetto Giulio Podesti (Roma 1857-ivi 1909) nel 1890 e aperto da Ritz nel 1894.

Secondo il gusto eclettico dell’epoca nella sala sono affiancati elementi architettonici e decorativi riconducibili a diverse tradizioni, dal classicismo alla tradizione decorativa tipica delle grandi residenze nobiliari romane. L’impianto generale rimanda a quello di alcune basiliche romane dell’antichità, costituite da una navata unica; qui le colonne, sormontate da capitelli dorati, sono incastonate alla parete o sostituite da lesene e la loro funzione prettamente decorativa è accentuata dai grandi specchi e dagli eleganti candelabri da parete. La cornice che percorre tutto il perimetro della sala, anch’essa un rimando all’architettura classica, è sormontata da una volta a padiglione lunettata riccamente decorata ad affresco da Mario Spinetti (Roma 1859- ivi 1915), allievo e poi insegnante presso l’Accademia di Belle Arti della città, nonché membro, dal 1909, dell’Associazione degli Acquarellisti romani. L’artista si era specializzato, fin dagli esordi, in soggetti storici e mitologici e in scene di genere, molto apprezzati dalla borghesia dell’epoca, esponendo alle mostre della prestigiosa Società degli Amatori e Cultori di Roma, ma anche a Milano,Torino e Venezia.

La volta è suddivisa in cinque scomparti; al centro le nervature dorate creano una griglia romboidale che incornicia sprazzi di cielo,dando l’illusione di un’apertura verso l’esterno, accentuata da ghirlande e motivi floreali. I lati lunghi sono a loro volta suddivisi in tre sezioni ciascuno: sul lato destro dell’ingresso sono rappresentate tre scene mitologiche legate alla semina ed alla raccolta del grano a cui corrispondono, di fronte, tre rappresentazioni riconducibili invece alla vendemmia; sui lati corti sono rappresentati una scena di caccia ed una marina.

Sia a livello stilistico che iconografico, l’artista fa riferimento ad alcuna delle molteplici ricerche allora in atto nel vivace ambiente artistico romano; l’attenzione nei confronti della natura e l’idealizzzione arcaizzante delle figure immerse in essa collocano questi affreschi accanto a quanto teorizzato e prodotto dagli artisti riuniti nella società denominata “In arte libertas”, fondata nel 1885 ed attiva nella capitale fino all’inizio del ‘900 con l’intento di proporre una pittura svincolata dall’arte ufficiale e più vicina alle tendenze simboliste della pittura europea.


Expertise e ricerca storica a cura di Imago Artis Tour • Via Vespasiano, 40 • Roma Italy +39 06 39 72 91 73 • +39 334 82 92 269

Recensioni degli ospiti

Hear from our guests about their stay from 449 recensioni degli ospiti verificate

Recensioni autentiche

86%dei nostri ospiti consigliano
questo hotel

mluigi1955

Ho potuto nuovamente constatare l'accoglienza, il garbo e la sensazione di essere a casa, in ogni soggiorno presso il Vs. Hotel. Ci sono tutti gli ingredienti per avere il massimo punteggio da parte della Clientela riferito al soggiorno, sia rispetto al Personale che alle Camere.

Leggete altre recensioni

4.5 /5

  • Comfort della camera

  • Personale dell'hotel

  • Qualità del sonno

  • Servizi

  • Riconoscimento SPG

  • Ristorazione